Cammino lento

Il Tempo Lento

Il 2021 sarà l’anno del turismo lento.
Questo mi fa riflettere su quanto poco conosciamo di ciò che ci circonda, sul fascino delle nostre terre, dei sentieri tra i boschi o delle antiche vie del sale, che silenziose e dimenticate, si snodano tra le pianure e le montagne sino al mare, dove il vento sembra ancora accompagnarci a sentire le voci, di chi con pazienza e fatica le percorreva.

Rifletto, per analogia, sulle nostre terre interiori, ai possibili percorsi introspettivi, ricchi di scoperte, di svolte e intuizioni che ci portano a trovare in noi le risposte, anziché cercarle fuori, attratti da mete intricate che ci spingono spesso lontano dalla gioia semplice e unica di stare, nella quiete di un Se conosciuto e vibrante.

In questo anno dei cammini lenti possiamo divenire curiosi viandanti e turisti di noi stessi, per sentirne la ricchezza, per sentire sicuri i passi nelle scelte e nei cambiamenti della vita, per camminare in terre finalmente, profondamente amate, per dare nuovi valori ad un mondo confuso e attraverso l’esperienza e la lentezza, riscoprire il sapore prezioso del Tempo.

Condividi!